Agriturismo Masseria Selvaggi come Contattarci
 
 

Grotte di Castellana, le grotte più famose di Puglia

La loro scoperta risale al 23 gennaio 1938, ad opera dello speleologo Prof. Franco Anelli, che così descrive: "La scoperta del vasto sotterraneo naturale di Castellana Grotte avvenne in occasione di una campagna di ricerche speleologiche compiuta nelle Murge Sud-orientali dall'Istituto Italiano di Speleologia, per invito dell'Ente Provinciale per il Turismo di Bari.

Era nota nelle vicinanze di Castellana Grotte un'ampia e profonda voragine naturale detta localmente 'La Grave' sulla quale tramandavano dalla popolazione leggende paurose di spiriti notturni e di mostri feroci. Un tentativo di esplorazione, compiuto sul finire del secolo XVIII da giovani del luogo, si limito' a pochi metri dopo il primo immenso antro d'ingresso.

Tocco' a me, la mattina del 23 gennaio 1938, la ventura di compiere con una solida scala di corda la prima fortunata discesa solitaria nell'imponente baratro, profondo 60 mt., dal quale ha inizio il vasto sotteraneo naturale. Raggiunsi la Caverna Nera, m'inoltrai nel Cavernone dei Monumenti dove mi arrestai giudicando azzardato compiere da solo l'esplorazione di un sistema di cavita' sotterranea mai toccato da piede umano, che si presentava fin dall'inizio di un'eccezionale vastita', di notevole estensione.

Compii due giorni dopo, il 25 gennaio, l'esplorazione dei primi 500 metri delle grotte validamente coadiuvato dal castellanese Vito Matarrese. Le esplorazioni, riprese nel marzo successivo, si arrestarono a circa 700 metri dall'ingresso, di fronte alla impossibilita' di superare, senza idonee attrezzature, un pozzo interno di oltre 20 metri di profondita' dalle ripide pareti a picco.

Mise termine alle esplorazioni della seconda meravigliosa parte delle Grotte di Castellana, fino alla luminosa Grotta Bianca, il mio collaboratore Vito Matarrese un anno piu' tardi dopo che l'Amministrazione comunale di Castellana Grotte compi' le necessarie opere di sistemazione turistica della parte gia' nota". Cosi' raccontava il protagonista di questa eccezionale scoperta che avrebbe profondamente segnato il futuro di questa cittadina.

 

 
 
© 2009 Agriturismo Masseria Selvaggi - P.Iva 00401990742