Agriturismo Masseria Selvaggi come Contattarci
 
 

Trani, la cattedrale in riva al Mare.

l nome Trani deriva da Tirenum o Turenum.
Secondo un'antica leggenda Trani fu fondata da Tirreno, figlio di Diomede. Ricordata nella Tabula Peutingeriana, Trani acquistò prestigio dopo la distruzione di Canosa ad opera dei Saraceni e con i Normanni conservò molte autonomie che le permisero la compilazione dei cosiddetti Ordinamenta Maris, il più antico codice marittimo del Medioevo.

Trani fu splendida sotto Federico II che la munì di un Castello. Decadde con gli Angioini, riacquistò prosperità nel '400 ma sfiorì definitivamente all'epoca del dominio spagnolo; agli inizi del '600 fu sede di una Università di studi giuridici.
Il centro storico di Trani è ricco di stupende chiese e di palazzi nobiliari, testimonianza di un passato illustre. Il nucleo più antico si organizza intorno al porto e su una penisoletta che culmina con la Cattedrale stupendamente orientata sul mare.

Per la purezza dello stile recuperato dopo lunghi restauri, nonché per la suggestiva posizione in riva al mare, è uno dei più importanti monumenti della regione. La sua costruzione iniziò nel XII secolo sul lluogo ove sorgeva la chiesa di Santa Maria e fu dedicata a San Nicola il Pellegrino, quivi morto nel 1094. La facciata presenta una parte inferiore ad archi con ac-cesso alla chiesa sotterranea di Santa Maria ed una superiore che sorge dal piano della terrazza con una serie di arcatelle cieche.

L'ampia arcata centrale contiene un portale di eccezionale interesse composto da 24 formelle bronzee finemente incise da Barisano da Trani intorno al 1180. Sempre all'esterno sono da notare il transetto in cui si inseriscono le tre absidi slanciate e possenti come torri. Il campanile romanieco si innalza a quasi 60 metri di altezza: man mano che si sale il volume è alleggerito da bifore, trifore, quadrifore sino ad un ultimo piano a pentafore; una cuspide a piramide ottagonale chiude il suo profilo.

L'interno a tre navate è scandito da sei coppie di colonne binate su cui poggiano i matronei. Nel sotterraneo, oltre alla già citata chiesa di Santa Maria della Scala, troviano, sotto il transetto, la cripta di San Nicola. Entrambi gli ambienti sono costellati da una selva di colonne con capitelli decorati. In un vano ancora inferiore (circa 2 metri sotto il livello del mare) troviamo l'an-tico ipogeo di San Leucio con traece di affreschi.

Tra i palazzi più importanti di Trani ricordiamo il Palazzo Caccetta, il Palazzo Quercia e il Palazzo Bianchi, nobili costruzioni del XVIII secolo.

 
 
© 2009 Agriturismo Masseria Selvaggi - P.Iva 00401990742